User Pass
Preferiti | Collabora con Noi | Forum | Links | Immagini Eventi | Società | Download | Impianti Sportivi
Cerca nel sito
Registrati!
Fai il tuo pronostico
» Altri Sport
» Acqua Sport New
» Amatori on line
» Arti Marziali
» Atletica
» Automobilismo
» Badminton
» Baseball/Softball
» Basket
» Beach Sports
» Biliardo
» Bocce
» Bowling
» Calcio
» Calcio Giov.
» Calcio a 5
» Tornei calcetto
» Ciclismo
» Fitness
» Frisbee
» Ginnastica Artist.
» Golf
» Ippica
» Karting
» Motociclismo
» Nuoto
» Pallamano
» Pallavolo
» Pattinaggio
» Pesca Sportiva
» Pugilato
» Scherma
» Squash
» Tennis
» Tennis Tavolo
» Tiro con l'Arco
» Vela
 
Aggiungi a Preferiti
Preferiti
 
Menu
  • Home
  • Invia News
  • Logout

  • Registrati
  • Password
  • Segnalaci
  • Contattaci

  • Una categoria dove spesso abbiamo dominato
    Pugilato
    Venerdì, 20 Settembre 2002 @ 11:08:08

    Se è vero che il pugilato professionistico romagnolo identifica la propria alba (nel senso di nascita sportiva) con il canto del “gallo” — in quanto molti dei primi pugili di livello nazionale appartenevano negli anni '30 e '40 a quella categoria — è altrettanto vero che il primo titolo a livello internazionale fu conquistato da un peso piuma.
    Mentre nell'autunno del 1940 il generale Graziani subiva nella campagna d'Africa i primi ko dalle forze inglesi ad Addis Abeba, capitò infatti che il riminese Edelweis Rodriguez conquistò il titolo dell'Africa Orientale proprio dei pesi piuma. Era un Rodriguez alla fine di una brillantissima carriera (titoli italiani in serie e Coppa Europa da dilettante, ancora un titolo italiano da professionista) ma ancora capace di imporre la sua grande classe. Il match si disputò davanti ad un pubblico di 1500 spettatori — quasi totalmente composto da militari italiani e libici —, buona parte dei quali parteggiarono per l' avversario di Rodriguez, il roccioso Giulio Scurti di Roma. Tra i premi che furono consegnati al nuovo campione dell'Africa Orientale (titolo ovviamente appena coniato ma anche particolarmente curato finché le sorti del conflitto lo consentirono dalle forze dell'Asse) anche un paio di luccicanti stivali.
    Ma già nel 1943 nei 57 kg un altro romagnolo si mise in luce: il lughese Danilo Pasotti che pareggiò con il mitico Bondavalli in un match per il titolo italiano. Di lì in avanti, moltissimi i piuma romagnoli impostivi a livello nazionale: impossibile elencarli in poche righe. Le date più significative sono concentrate dal 1981 al 1983, quando Loris Stecca divenne campione italiano e poi europeo, respingendo anche l'assalto del suo grande rivale, il forlivese Valerio Nati. Il quale si batterà da piuma altre 3 volte conquistando la corona europea nel 1987. Titolo continentale poi conquistato anche da Maurizio Stecca nel 1992 e difeso fino al 1993.
    f.d.a.
    Il Resto del Carlino

     
    Aggiungi a Preferiti Segnalaci Collabora con noi Aggiungi Link Locali Rimini
    Siti Internet by Pianetaitalia.com Srl © SportalRimini.com -Tutto lo Sport di Rimini e Provincia 2001/2005.
    All rights reserved - PIVA 03264080403